Nomenclatura degli Idruri – Regole di nomenclatura

Sono riportate le regole di nomenclatura degli idruri. La nomenclatura IUPAC è ufficialmente riconosciuta e utilizzata oggigiorno, ma alcuni composti sono meglio noti col nome dettato dalla nomenclatura tradizionale. Altri ancora vengono identificati con un nome comune che esula da entrambe le regole codificate. Faremo menzione solo dei più importanti.

La nomenclatura richiede la conoscenza del numero di ossidazione.

Per svolgere gli esercizi sugli idruri vai a questo link.

Per svolgere gli esercizi combinati su idruri e idracidi vai a questo link.

 

Nomenclatura degli Idruri

Gli idruri sono composti binari formati da un metallo e idrogeno, anche se possono essere formati dall’idrogeno con quasi tutti gli elementi della tavola periodica; vi sono preferiti quelli con bassa elettronegatività. Gli idruri ionici (MgH2, LiH) sono basi così forti e reattive che non vengono quasi mai usate in forma pura.

Negli idruri il numero di ossidazione dell’idrogeno è sempre uguale a -1 e per questo motivo l’idrogeno viene posizionato alla destra del metallo nella formula chimica.

La loro formula generale è MeHn, con “n” uguale al numero di ossidazione del metallo.

Le regole di nomenclatura degli idruri sono descritte di seguito.

Nomenclatura IUPAC

prefisso numerico di Hidruro di + (eventuale prefisso numerico del Me) + nome del metallo

Esempi:

Formula chimica Nome IUPAC
KH Idruro di potassio
CaH2 Diidruro di calcio
FeH2 Diidruro di ferro
FeH3 Triidruro di ferro
Nomenclatura tradizionale

Si disinguono i casi:

1 – Il metallo ha un unico numero di ossidazione. Il nome sarà  idruro di + nome del metallo

Esempio:

Formula chimica Nome tradizionale
CaH2 Idruro di calcio

2 –  Il metallo ha due numeri di ossidazione:

se il metallo ha n.o maggiore allora il nome sarà idruro + radice del Me + ico 

se il metallo ha n.o minore allora il nome sarà idruro + radice del Me oso

Esempi:

Formula chimica Nome tradizionale
FeH3 Idruro ferr-ico
FeH2 Idruro ferr-oso

Oltre al ferro rientrano in questa categoria anche stagno, rame, cobalto, piombo, mercurio e pochi altri.

La nomenclatura tradizionale di questi composti è poco utiizzata. Spesso si preferisce indicare il loro nome comune o la nomenclatura IUPAC. Nel caso di idruri del carbonio, detti idrocarburi, la nomenclatura qui presentata non esaurisce tutte le possibilità di denominazione: CH4, ad esempio, è detto metano (nomenclatura organica) e mai tetraidruro di carbonio.

Eccezioni: NH3 ammoniaca; PH3 fosfina; AsH3 arsina.

 

Articoli simili

Lascia un commento!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnati da un asterisco.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. Continuando la navigazione ne consentirai l'utilizzo. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi